Tennis azzurro

La favola di Marco Cecchinato: il n° 72 del mondo in semifinale al Roland-Garros

La storica semifinale, domani alle 13.00 su Eurosport Player ed Eurosport, è solo l'ultimo capitolo di una storia cominciata a Palermo il 30 settembre 1992.

Era solo Gennaio, quando al secondo turno del Challenger di Koblenz (circuito dedicato ai tennisti di seconda fascia), l'italiano Marco Cecchinato perse con l’allora numero 205 del mondo Mats Moraing.

Tutto faceva presagire a un’altra stagione sulla linea delle precedenti. Un’ anno farcito da tornei minori e un ranking oscillante tra la 100esima e la 150esima posizione del mondo. Invece qualcosa è cambiato.

Marco, nato a Palermo il 30 settembre 1992, domani tenterà di raggiungere una storica finale al Roland Garros; il suo avversario sarà Dominic Thiem, austriaco n.7 del mondo, favorito numero 2 del torneo dopo lo spagnolo Rafael Nadal. Il peso dell'impresa è altissimo: era da ben 40 anni che un italiano non raggiungeva una semifinale del torneo parigino (era il '78 quando Corrado Barazzutti perse 6-0 6-1 6-0 dalla leggenda Bjorn Borg).

Tecnicamente l'azzurro è dotato di un ottimo servizio, ha un gioco molto vario, costruisce i punti prevalentemente con il suo dritto ed ha stupito per l’ottima sensibilità e l’uso di palle corte. Ultimamente anche il suo rovescio ad una mano, in precedenza colpo di solo contenimento, è riuscito a farsi apprezzare parecchio.

Da quando è diventato professionista nel 2010, il 25enne palermitano aveva disputato molti tornei minori (del circuito ITF futures e ATP Challenger), togliendosi anche alcune soddisfazioni, senza mai dare però l'idea di poter fare il salto di qualità defintivo.

Ma quest’anno dopo un inizio piuttosto anonimo, qualcosa è cambiato in Marco.

Il 29 aprile scorso si aggiudica il suo primo torneo del circuito maggiore all'ATP 250 di Budapest e subito dopo, vince le prime partite in un torneo Master1000 a Monte-Carlo e Roma.

Tuttavia è durante questo Roland Garros che Ceck sta stupendo tutti: dopo la prima vittoria in un torneo dello slam ai danni di Copil, sono arrivate quelle contro Trungelliti, lo spagnolo Pablo Carreno Busta (n.10) ,il belga David Goffin (n.8) e l’incredibile match vinto contro l’ex numero al mondo Novak Djokovic.

Domani Marco affronterà Domenic Thiem in quella che sarà la partita più importante per la sua carriera (sia dal punto di vista sportivo sia da quello economico - se dovesse vincere conquisterebbe un montepremi di 1,2 milioni di euro).  I precedenti lasciano vivissima la speranza: nel 2013 l'italiano sconfisse Thiem in una finale del circuito Futures a Modena. Dita incrociate!

Il Roland Garros è disponibile in esclusiva su Eurosport e su Eurosport Player